Curiosità

della Costa dei Trabocchi

La costa dei Trabocchi

La costa dei trabocchi, un corridoio verde lungo 40 km sulla Costa Teatina che abbraccia i comuni di Francavilla, Ortona, San Vito Chietino, Rocca San Giovanni, Fossacesia, Torino Di Sangro, Casalbordino, Vasto, San salvo.

Il Trabocco di Punta Turchino

Il Trabocco di Punta Turchino è uno dei più belli della costa di San Vito, situato in località Portelle prende il suo nome dalla sua posizione, si trova infatti in corrispondenza di una piccola sporgenza della costa denominata promontorio di Capo Turchino.
Attualmente le condizioni di questo splendido trabocco non sono ottimali, sia a causa della deteriorabilità dei materiali che lo compongono sia per le ultime ondate di maltempo che hanno distrutto anche il trabocco Mucchiola di Ortona.

Lo Staff del Gac: Manola Cascante

Manola si è laureata in Scienze e Tecnologie Agrarie presso l’Università degli Studi di Firenze nel 2002 e da allora svolge diverse attività lavorative quasi tutte nell’ambito della “qualità delle produzioni agroalimentari e valorizzazione delle produzioni tipiche locali”.

Il Calamaro

Il calamaro viene distinto in varietà diverse a seconda delle dimensioni. Le specie principali sono: 

- Allotheuthis media, detto anche calamaretto, che ha una lunghezza variabile tra i 3 e i 7 cm; è di colore bruno-rosso, e riconoscibile dalla presenza di una punta sul vertice del mantello;
- Loligo vulgaris, lungo 30-45 cm, diffuso anche nel Mediterraneo;

La panocchia

La cannocchia o canocchia, detta anche pannocchia o panocchia (Squilla mantis) è un crostaceo della famiglia degli Squillidae che può raggiungere una lunghezza massima di 20 cm.

Gli Abitanti del nostro mare

Scomber scombrus, conosciuto comunemente come scombro (o sgombro), lacerto o maccarello, è un pesce di mare appartenente alla famiglia Scombridae. Tipico pesce azzurro, lo sgombro non ha squame ed è lungo circa 25-50 cm con corpo fusiforme e capo appuntito. Essendo un vorace divoratore possiede una bocca ampia con mascelle munite di piccoli denti aguzzi.

Gli Abitanti dell'Adriatico

SGOMBRO (Sgomber sgombrus) 
Periodo di maggior pescosità : maggio-giugno, settembre-ottobre 

Storie di mare

GAC on facebook